Come rispettare la Legge Macron se si opera sul territorio francese

Blog Legge Macron

La Legge Macron è applicabile a tutte le società di trasporto su strada e di passeggeri che operano in Francia, ed esige la conformità ad alcuni aspetti noti. Scopra cosa implica questa legge e come applicarla al nostro sistema di gestione del parco veicoli GesInFlot.

Cos’è la Legge Macron e quali sono le società di trasporto interessate?

Se la Sua società di trasporto opera in Francia , dovrà soddisfare i termini della Legge Macron, che obbliga tutte le società di trasporto di merci e passeggeri con sede esterna al territorio francese, a registrare una serie di documenti , nominare un rappresentante legale nel paese ed assicurarsi che gli stipendi dei suoi autotrasportatori rispettino il salario minimo francese.

Le società interessate da questa legge sono quelle che svolgono qualsiasi attività in territorio francese, in forma diretta o indiretta. Nel concreto, la Legge Macron interessa le:

  • Società di trasporto terrestre , di merci o passeggeri, con servizi internazionali la cui origine o destinazione sia la Francia.
  • Società che muovono dipendenti sul territorio francese, quando :
    • Il dipendente viene trasferito ad una filiale del proprio gruppo che opera in Francia.
    • Una società che non è francese, mette a disposizione un dipendente di un’altra società francese per realizzare i propri servizi.
    • Il dipendente svolge la sua attività o parte di essa in Francia.
  • Qualsiasi società di trasporto la cui sede sia ubicata fuori dal territorio francese ed i cui dipendenti svolgano operazioni di cabotaggio sul territorio francese.

Al contrario, da questa legge sono escluse le società di trasporto che si limitano ad attraversare la Francia, senza svolgere operazioni di carico e scarico di merci o passeggeri, il settore industriale che impiega dipendenti mobili per trasportare i propri prodotti al paese, i privati e le società o i liberi professionisti del trasporto pubblico, come i taxi.

Obblighi imposti dalla Legge Macron alle società di trasporto straniere

  • Nomina di un rappresentante legale in Francia. Le sue mansioni sono la custodia della documentazione legale necessaria e facilitare la comunicazione tra la società straniera e le autorità francesi. I documenti legali dovranno rimanere a disposizione della autorità per 18 mesi in formato digitale e cartaceo.
  • Disporre di un Certificato di Dislocamento in Francia. Questo certificato, denominato “certificato di dislocamento”, dovrà essere compilato dalla società e consegnato all’autotrasportatore prima del viaggio affinché sia sempre disponibile all’interno del veicolo.
  • Documentazione che deve essere presente a bordo del veicolo:
    • Copia del contratto di lavoro del dipendente con la società.
    • Certificato di Dislocamento compilato dalla società.
    • Se l’autotrasportatore è un privato, una documentazione che lo dimostri.

Per maggiori informazioni può consultare questa pagina in francese dell’organizzazione TLF (Union des Entreprises de Transport et de Logistique de France).

In che modo GesInFlot aiuta a rispettare la Legge Macron nel proprio parco veicoli per il trasporto?

Il nostro sistema di gestione del parco veicoli GesInFlot permette il controllo dello stato del tachigrafo ed il registro dei lavori svolti , che uniti alla posizione del veicolo, consentono il controllo dei turni lavorativi prestabiliti.

Il nostro sistema di registro e controllo permette all’imprenditore di rispettare l’obbligo di disporre di un registro giornaliero delle giornate di lavoro svolte dai propri dipendenti, al fine di evidenziare le ore extra, le pause, i riposi di 48 ore, etc. applicabile sia alla Legge Macron che alle diverse leggi europee.

La mancata osservazione di queste norme, determina una grave infrazione con sanzioni da 625 € a 6250 €, oltre all’infrazione aggiuntiva di mancato pagamento degli stipendi.

Questo articolo è disponibile anche in: Spagnolo Inglese