In che modo il ROTT influisce sul trasporto si merci pericolose su strada

ROTT ADR Trasporto merci pericolose

I nuovi cambi ed esigenze del ROTT che è entrato in vigore l’anno scorso, riguardano alcune norme dell’ ADR e la loro inosservanza è già soggetta a sanzioni. In questo articolo scoprirai quali sono.

Con l’approvazione del ROTT (Regolamento della Legge di Ordinamento dei Trasporti Terrestri) che entrò in vigore in seguito all’approvazione del Decreto Reale 70/2019 il 21 febbraio 2019 sono comparsi nuovi obblighi per i trasportatori di merci pericolose su strada, oltre a quelli già esistenti che riguardano:

  • Operazioni di carico e scarico
  • Formazione del trasportatore
  • Documento di trasporto

Operazioni di carico e scarico ADR

Nel trasporto di merci pericolose, le operazioni di carico e scarico racchiuse nell’articolo 37.2, saranno responsabilità del trasportatore, nei seguenti casi, citati testualmente:

a) Lo “scarico di combustibili esclusivamente destinati al riscaldamento dell’acqua sanitaria, caldaia e cucina”. In questo paragrafo si elimina la voce “uso domestico” che era contenuta nell’ RD del 2014.

b) Il “rifornimento di combustibile effettuato direttamente su qualsiasi tipo di macchinario, che disponga nella sua struttura o dispositivi dei depositi corrispondenti”, che non abbia subito modifiche,

c) Gli “scarichi di carburanti (UN1202), purché la quantità scaricata non superi i 1000 litri”. Questo cambiamento amplia l’esonero parziale esistente per l’ ADR riguardante il trasporto di serbatoi di gasolio quando si raggiungono i limiti indicati.

Questi casi, contrariamente alla norma generale di trasporto su strada, scaricano l’intera responsabilità sul trasportatore, permettendo al destinatario di non disporre di un Consulente per la Sicurezza che garantisca queste operazioni di carico e scarico.

Un altro cambiamento della norma, è che determinati casi possono essere modificati se non diversamente concordato, valido per qualsiasi tipo di installazione, eliminando la dicitura sulle installazioni agricole, a patto che siano registrate all’amministrazione insieme all’approvazione del consulente per la sicurezza corrispondente (Allegati 3 e 4 del RD 97/2014).

Inoltre, la norma incorpora il Paragrafo 4 all’articolo 44 , che indica che:

“4. Le merci pericolose potranno essere unicamente scaricate dai dispositivi di trasporto in grani o autocisterne utilizzando sistemi di scarico fissi, fatta eccezione per i seguenti casi:

a) Quando la possibilità di realizzare lo scarico senza utilizzare questi dispositivi è espressamente autorizzata dal regolamento sul deposito dei prodotti chimici o delle strutture petrolifere.

b) In situazioni d’emergenza nel quale risulta impossibile utilizzare un simile sistema di scarico.

c) Per lo scarico di combustibili destinati al riscaldamento di acqua sanitaria, caldaia e cucina.”

Formazione degli autotrasportatori

L’ articolo 5 dell’ RD 70/2019 include l’obbligo valido per qualsiasi autotrasportatore, che trasporti merci soggette all’ ADR parziale o quantità limitate, di disporre di una formazione che attesti questa conoscenza tramite il conferimento di un documento o certificato che specifichi la formazione ricevuta, emesso da una società di formazione autorizzata. Il suddetto documento dovrà rimanere a bordo del veicolo , pena sanzione di 801 € in caso di mancato adempimento.

Questo obbligo riguarda anche gli altri trasportatori, autonomi o dipendenti, che trasportano colli soggetti alle esenzioni dell’ ADR, come i corrieri o trasportatori con veicoli leggeri.

Documento di trasporto

 

Come specificato nell’ Ordine FOM/2861/2012 , nel documento di trasporto si dovrà indicare il numero identificativo dell’autorizzazione speciale di circolazione rilasciata da un organo competente in materia di traffico, circolazione e sicurezza stradale. Quando il veicolo deve circolare tutelato da una di queste autorizzazioni. Per esempio per un’autorizzazione speciale di circolazione nel fine settimana o in certi orari soggetti a restrizioni.

Inoltre, considerando la responsabilità dell’ ADR nel carico e nello scarico, si deve verificare che lo spedizioniere/caricatore no commetta errori nel gruppo di imballaggio, dal momento che la responsabilità sarà esclusivamente del trasportatore, e potrà essere sanzionato con una somma pari a 4001 € (art. 37.2).

Altri cambi delle norme RD 70/2019

  • L’articolo 31 contiene una modifica relativa alle ispezioni tecniche nelle strutture , dalle quali si escludono i depositi di combustibile.
  • L’articolo 2.5 esclude i trasporti effettuati dalle Forze Armate, dai Corpi di Sicurezza o quelli effettuati sotto la loro responsabilità.
  • L’articolo 2 modifica la Tabella delle Sanzioni applicabile al Trasporto Merci Pericolose su Strada.

 

Se il suo parco veicoli di trasporto deve sottostare alle normative ADR, GesInFlot offre tutte le informazioni sulla tracciabilità richiesta per informare i clienti e le autorità. Consulti le funzionalità complete di GesInFlot per il trasporto di merci pericolose.

 

 

Questo articolo è disponibile anche in: Spagnolo Inglese